CALCOLA PREVENTIVO
SANITA': IN ARRIVO I LEA (LIVELLI ESSENZIALI DI ASSISTENZA) - Notizie da Mutua Iris Italia
Via della Magliana, 184
00146 Roma
Tel 06 5500867
info@mutuairisitalia.org
09:00 - 18:00
Lunedì - Venerdì

SANITA': IN ARRIVO I LEA (LIVELLI ESSENZIALI DI ASSISTENZA)

I Lea livelli essenziali di assistenza, ovvero i servizi e le prestazioni che il nostro Ssn è tenuto ad offrire in via gratuita o dietro pagamento di un ticket, dal prossimo anno subiranno una significativa rivisitazione. L’Obiettivo è quello di garantire a tutti i cittadini parità d’accesso alla salute, da nord a sud d’Italia. Tra le novità principali abbiamo la rivalutazione delle cure che si possono ricevere in ambulatorio senza passare per ricovero o day hospital, la riclassificazione di gruppi di patologie e inserimento di nuove malattie nei Lea. La novità dei Lea è la formula "reflex": due accertamenti, il secondo viene eseguito solo se l'esito del primo lo richiede. Il Medico, in fase di prescrizione della ricetta, dovrà riportare la diagnosi o il sospetto diagnostico.

La nostra "vita sanitaria" si svolge in buona parte nei Lea, dal medico di base al pronto soccorso, dalle analisi del sangue alle visite specialistiche.

Ebbene, i Lea non sono alla portata di tutti, anzi, i dati sulla spesa "out of pocket" dei cittadini (oltre 34 miliardi secondo il Censis), sono soldi usciti dalle tasche di quanti, non trovando risposte nel Ssn, si fanno carico delle cure. Questo per chi ovviamente può. Nel nostro paese ci sono troppe disuguaglianze regionali, lunghissime liste d’attesa e ospedali poco sicuri. Questo è quello che si tenderà a risolvere con i nuovi Lea.

La copertura finanziaria è la prima preoccupazione. I nuovi Lea, formalmente, usciranno  con due anni di ritardo, nel 2017, quando il Dpcm avrà completato l’iter di approvazione. Successivamente si dovranno applicare con le risorse disponibili: la legge di Stabilità 2016  ha "protetto" per questo obiettivo 800 milioni del Fondo sanitario nazionale.

La rivisitazione dei Lea, comporterà il carico di ticket d’ambulatorio che cadranno sulle spalle dei cittadini (18,1 milioni) a fronte del risparmio che si avranno sui ricoveri(50 milioni). Quindi, ad esempio, per un semplice "tunnel carpale" o per la “cataratta semplice" si pagherà il ticket.